Stampa
PDF

Alice & La Logica [Parte I]

Scritto da Elisa Massironi.

Più volte mi sono trovata a riflettere sul significato del termine maturità.

Maturare vuol dire diventare grandi, assumersi le proprie responsabilità, prepararsi ad affrontare il mondo in prima linea, da persona adulta.
Questo passaggio non è sempre così semplice;  a volte capita di aver paura di crescere, non tanto per i cambiamenti, gli impegni o le difficoltà, quanto più per il perdere il bimbo che c’è in noi.
Alice è una bambina che si oppone a ciò che i costumi del suo tempo cercano di imporle e la suo carattere ribelle la porta a trovare un rifugio sicuro solo nella sua fantasia.
Si fatica a credere che il mondo di Alice sia solamente frutto di un sogno, forse quel luogo rappresenta il mondo in cui lei vuole crescere, forse è solo l’espressione del suo desiderio di non perdere la semplicità,l’innocenza, la curiosità e la sua capacità di stupirsi.
Alice alla fine è diventata grande, ha vissuto la sua vita, ma voglio credere che non abbia mai smesso di sognare il suo “Paese delle Meraviglie”.
Mi rendo conto di quanto a volte io sia combattuta tra una parte bambina che non vorrei abbandonare e una parte adulta che voglio scoprire.
Così ho deciso di trattare una tra le storie che più mi hanno incantato fin da quando ero piccola: Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie e al di là dello specchio.
Inizialmente ho deciso di analizzare da un punto di vista letterario questa famosa storia per bambini.
Successivamente, lasciando da parte l’aspetto fantastico del libro, ho deciso di approfondire lo studio di quest’opera ad un livello logico-razionale, tipico del mondo degli adulti, giungendo così  al tema della Logica.
Questa chiave di lettura, che può apparire forzata o quasi paradossale, vuole essere un invito a non perdere quei sentimenti e quei valori che hanno caratterizzato la nostra infanzia.



Non importa che età avete,
se siete importanti
o insignificanti:
tutti tornate ad essere bambini.

[Virginia Woolf]



* * * * * * * * * *



Alice’s adventures in Wonderland and through the looking glass
Background: The Victorian Age [1837-1901]

The term “Victorian” derives from  Queen Victoria, who reigned in that period for more than  half a century.
This was a complex era, characterised by a sort of  social contradiction between moral conventions of the Victorian compromise and the social degrade of the low classes.

From the cultural point of view Art made explicit that state of distress of the poor and criticized the indifference of the bourgeois class.
In the literature, next to the resumption of the comedy, we can notice the development of the novel.
Critics conventionally divide Victorian novels into 2 groups:
- the early Victorian group includes authors likes Charles Dickens and the Brontë sisters;
their productions usually deal with the social themes that characterise that time (for example the bad working condition, education, women rights, alcoholism and the prostitution).
- the late Victorian group was influenced by Darwin theories and “Naturalism” which increased the      conflict between science and faith and also the novels published become representative of the growing crisis in the moral values of the Victorian upper class society.
The most important writers of that group are Robert L. Stevenson, Oscar Wilde and Thomas Hardy.

Another late Victorian novelist is Lewis Carroll, one of the creator of the “nonsense” novel, with his compatriot Edward Lear.


The Nonsense Literature

The nonsense genre is based on the juxtaposition of Order and Chaos, using logic and rational elements to describe absurd and meaningless situations.
The origin of  this genre may be traced back to the folk tradition, folktales, drama, rhymes, songs, and games, such as the nursery rhymes, characterised by the alternation of ironic text to the simple game of the language’s sound.
According to the critic Wim Tigges the effect of  nonsense is often caused by an excess of meaning, rather than a lack of it; in his analysis he also provides a number of nonsense techniques/devices that characterize the genre, including faulty cause and effect, portmanteau, neologism, reversals, imprecision, infinite repetition, negativity or mirroring.

Many Victorian writers experienced this type of literature:
-          Edward Lear who is known for his limericks, five-lines poems with a strict rhyme scheme, where content intends to be witty or humorous.
-          Lewis Carroll is the author of the most characteristic examples of nonsense novels: “Alice’s adventures in Wonderland” and “Through the looking glass and what Alice found there”.

Also some of the most talented modern writers contribute to the genre;
for example the Irish author, James Joyce, with his comic fiction “Finnegans Wake” (1939) that is full of portmanteau words, seems to be full of many meanings, that the reader is left with the suspicion that there is none.


Lewis Carroll

Lewis Carroll is the literary pseudonym of  Charles Lutwidge Dodgton, the son of an Anglican Priest.
Born in 1832 at Daresbury, Cheshire, he was the third child in a family of  eleven imaginative and eccentric children who produced magazines containing parodies, word-games and puzzles.
Then he was educated at Rugby and Christ Church, Oxford, where he spent the rest of his life as lecturer in mathematics.
In 1861 he took deacon’s orders, but shyness and a constitutional stammer prevented him from seeking the priesthood.
He never married but he was very fond of children and spent much of his time with them.
His first and most famous children’s story “Alice’s adventures in Wonderland”, published in 1865, began as a boat trip with the daughters of  H.G. Liddell, the Dean of Christ Church, Lorina, Alice and Edith, on which Carroll invented the story of Alice to keep the girls amused.
Carroll was especially fond of Alice and it was for her that he expanded the improvised story into book form.
A second Alice book, “Through the looking-glass and what Alice found there”, followed in 1871.
The Alice books were considered unusual for the time since unlike most children’s books they had no apparent didactic purpose and contained explicit moral.
In the 20th century, however they began to be appreciated not only as children’s classics but as major literary and philosophical works, exploring the limits of language and logic.
Besides his masterpieces, Lewis Carroll also wrote nonsensical poems and parodies like “The Hunting of the Snark” (1876) and “Sylvie and Bruno” (1889), as well as some learned mathematical treaties (for example:  “Euclid and his Modern Rivals” (1879) and “The game of Logic” (1887).
In 1856 Carroll also took up the new art form of photography and his portraits of young girls and of great personalities of that period became very famous.
He died of pneumonia in 1898.


Alice’s Adventures in Wonderland

Alice’s Adventures in wonderland has no real plot, in terms of the traditional novel.
Instead it follows a dream-logic as Alice, the protagonist, falls asleep and dreams of  falling down a rabbit hole into which she has pursued a White Rabbit that she has seen in the garden.
She emerges in a surreal and illogical world whose nature and laws constantly change.
Alice too begins to change and her body grows or shrinks depending on what she eats or drinks.
In this world Alice meets a series of fantastic talking animals and other strange characters, including the White Rabbit, the Mad Hatter, the March Hare, The Duchess, a mouse, a caterpillar, the Mock Turtle, the King and the Queen of  Hearts and  the Cheshire Cat.
Each of these characters, on meeting Alice, appears to question the logic of everything she says or does and they themselves speak and act according to a bizarre invented logic.
Alice herself seems to have forgotten or confused everything she ever learned at school.
The story proceeds in a series of episodes resulting from Alice’s failed attempts to enter a garden whose door is too small for her to get through.
Once she succeeds in entering the garden she finds the queen of Hearts and her court of playing cards; they play an eternal croquet match whose rules are invented as they go along, while the queen constantly demands that one of her subjects be executed for some incomprehensible offence, even if no execution actually takes place.
The book ends with a trial to find out who has stolen some tarts that the queen has made; when Alice herself  is called as a witness she declares the whole thing absurd saying “you’re nothing but a pack of cards!”.
At this point she wakes up beside her elder sister to whom she tells about her dream.
The book ends with the sister’s sad reflection on the relationship  of dreams to reality.


Through the Looking-Glass  and what Alice found there

The story takes off on November 4th (the day before Guy Fawkes) exactly six months after the trip in Wonderland.
Alice wonders what's on the other side of the mirror and to her surprise, she manages to go through it and find an answer to his curiosity.
She first discovers a book with an incomprehensible poem (the Jabberwocky in fact), readable only if reflected in a mirror.
After that, Alice leaves the house and stumbles upon the garden of  talking flowers and  she meets the Red Queen (who is not the Queen of Hearts from the first book).
Alice takes a train ride where she discovers some strange insects.
The most interesting thing is that Alice encounters all the characters of her favorite nursery rhymes : the bizarre twins Tweedledum and Tweedledee come to life in scenes on the edge of the absurd and the cultured Humpty Dumpty explains the "Jabberwocky" poem to Alice.
Suddenly the White Queen comes running wildly through the wood and morphs into a sheep before Alice's eyes.
Alice also assists the fight between the Lion and the Unicorn and an eccentric White Knight shows her several worthless inventions.
At last Alice become a Queen herself and during a feast in her honour, which dissolves into reality as Alice wakes up once more.


Alice

Alice is the main character of both books.
She is a seven-year-old English girl and represents the typical stereotype of the Victorian child;
she is a polite and well raised girl, she has a great imagination but at the same time she is really influenced by her education and her knowledge.
Alice is always very curious in every situation she faces, both in Wonderland and in the world through the looking glass; she wants to investigate and find out as much as possible on these strange things that surround her; she often asks rational questions that in some cases disrupt the chaotic order of this imaginary world.
We already  know that Carroll took inspiration for this character from a real girl, Alice Liddell, one of his little friends and she is probably that one who persuaded the author to publish this story.
The author himself give a beautiful description of his heroine in the article “Alice on Stage”(1887) :

"Loving, first, loving and gentle: loving as a dog (forgive the prosaic smile, but I know no earthy love so pure and perfect) […] then trustful, ready to accept the wildest impossibilities with all that utter trust that only dreamers know; and lastly, curious – wildly curious, and with the eager enjoyment of Life that comes only in the happy hours of childhood, when all is new and fair, and when Sin and Sorrow are but names – empty words signifying nothing!"

In the book. Alice is not described physically, for this reason the illustration by John Tenniel have been very important to create the popular imagine of a fair-haired girl wearing a pale blue knee-length dress with a white pinafore overtop.


Themes

The story of Alice is commonly considered a classic of children's literature nevertheless the books contain some important and very critical themes for that time.
To understand fully Carroll’s work we have to focus on the historical period and the social situation in which it is set.
Immediately in the first chapter, during Alice’s fall, we find the first critical references to the Victorian education, expressed by the rational thoughts of the young girl:

Down, down, down. Would the fall NEVER come to an end! `I wonder how many miles I've fallen by this time?' she said aloud. `I must be getting somewhere near the centre of the earth. Let me see: that would be four thousand miles down, I think--' (for, you see, Alice had learnt several things of this sort in her lessons in the schoolroom, and though this was not a VERY good opportunity for showing off her knowledge, as there was no one to listen to her, still it was good practice to say it over) `--yes, that's about the right distance--but then I wonder what Latitude or Longitude I've got to?' (Alice had no idea what Latitude was, or Longitude either, but thought they were nice grand words to say).

Throughout the Alice books, as in this passage, Alice refers to her lessons and her education and she is very proud of the learning she has acquired.
It seems, however, that the information she remembers from her lessons is usually either completely useless or wrong.
An important aspect of the book in this respect is the way it parodies 19th century moral conventions regarding children’s literature and the institutions of the Victorian society.
Alice, who in Wonderland cannot remember any of her school lessons, often tries to remember poems and nursery rhymes she has learned  but she gets them all wrong and her invented version are often much more amusing and interesting than the originals.
For example, although she can remember how many miles are there down until the centre of the earth, she mistakenly believes that everything will be upside down when she passes through to the other side.
Carroll clearly makes a critique of the utilitarian society which imposed a strict education based on facts and figures and condemned the use of imagination and creativity: the only things that really mattered were all those things that could be measured.
The beginning vision of the peace and harmony promoted by much children’s literature is here reflected by a more realistic portrait of a world mirroring a Darwinian struggle for survival.
The Duchess who claims there is a “moral” in everything  can be seen as a caricature of the moralistic tendencies of the Victorian pedagogy while the logic of the Queen’s court, where punishment comes even before the offence, symbolizes the cruelty and injustice of  Victorian laws, in which the accused party was often regarded as a criminal before his guilt had been proved.

Another important theme closely linked with that of education is that one of  the growing up.
Alice, mainly in the first book, grows in and out several times and it is something that involves a sort of identity crisis, as we can see the beginning of dialogue with the caterpillar:

`Who are YOU?' said the Caterpillar.
This was not an encouraging opening for a conversation.
Alice replied, rather shyly, `I--I hardly know, sir, just at present-- at least I know who I WAS when I got up this morning, but I think I must have been changed several times since then.'
`What do you mean by that?' said the Caterpillar sternly. `Explain yourself!'
`I can't explain MYSELF, I'm afraid, sir' said Alice, `because I'm not myself, you see.'
`I don't see,' said the Caterpillar.
`I'm afraid I can't put it more clearly,' Alice replied very politely, `for I can't understand it myself to begin with; and being so many different sizes in a day is very confusing.



In the Victorian period a special status was assigned to childhood  in middle-class society.
The child was granted his or her own space within the home, a space of apparent freedom but which in reality had the function of isolating middle-class children from contact with lower-class ones.
Training and preparing them for insertion their assigned social role as adults.
This implies also the theme of the identity.
Alice’s travel can also be seen as a symbolic journey of growth and self-discovery.
She learns a great deal about herself with each new encounter in both adventures, despite her identity is often  challenged by absurd speeches, as in the brief dialogue between her and the bird (with the syllogism child/snakes), or in the introduction to the theme of dreams in chapter four of “through the looking glass”, “Tweedledum and Tweedledee”:

"Come and look at him!" the brothers cried, and they each took one of Alice's hands, and led her up to where the King was sleeping […]



"He's dreaming now," said Tweedledee: "and what do you think he's dreaming about?"
Alice said, "Nobody can guess that."
"Why, about you!" Tweedledee exclaimed, clapping his hands triumphantly. "And if he left off
dreaming about you, where do you suppose you'd be?"
"Where I am now, of course," said Alice.
"Not you!" Tweedledee retorted contemptuously. "You'd be nowhere. Why, you're only a sort of thing in his dream!"
"If that there King was to wake," added Tweedledum, "you'd go out -- bang! -- just llke a candle!"
"I shouldn't!" Alice exclaimed indignantly. "Besides, if I'm only a sort of thing in his dream, what are you, I should like to know?"
"Ditto," said Tweedledum.
"Ditto, ditto!" cried Tweedledee.
He shouted this so loud that Alice couldn't help saying, "Hush! You'll be waking him, I'm afraid, if you make so much noise."
"Well, it's no use your talking about waking him," said Tweedledum, "when you're only one of the things in his dream. You know very well you're not real."
"I am real!" said Alice, and began to cry.
"You won't make yourself a bit realer by crying," Tweedledee remarked: "there's nothing to cry about."

The dream is probably one of the best known theme of that tale, maybe due to the growing interest in the study of the dream process, which reached its climax with the Psychoanalysis.
Sigmund Freud, the father of that science, in his work “The interpretation of dreams” described this activity as "the royal road to the understanding of unconscious mental processes."
According to this vision the two worlds explored by Alice are just a parallel reality created by elements that are related to her subconscious, as for example the representation of her fears (exemplified by the loss of her knowledge).

Alice  finds the rules of Wonderland and of the world through  the looking glass as something alien to her.
She never finds the right measure to insert herself in that bizarre society.
Her attempts to socialise are continually frustrated, as her efforts to establish her own identity.
She remains an ambiguous mutant presence and, even if some inhabitants are hind to her, she is looked on with suspicion and fears by most of them.
Another important aspect of the book is its representation of the body.
Alice’s body in particular, which is constantly mutating into different sizes and shapes.
During her permanence in Wonderland Alice learns to adjust and manipulate her physical size according to her wishes.
This manipulation is the refusal of the ideal of growth into adulthood.
Alice gets the ability to remain a child, but she can also become a giantess.


Narrative techniques

The story of Alice is written in the form of the children’s story, so it is characterized by a very simple language.
Both books are divided into twelve short chapters and each one is dedicated to a character that Alice meets in her journey.
The dialogues are therefore a very important element to understand those creatures and their world.
Another important technique used by Carroll is the internal monologue of Alice, through which we can know the thoughts and the psychology of the protagonist.
In these books we can also find many poems, that are parodies of some famous Victorian nursery rhymes.
These parodies are based on puns, typical of the nonsense genre, causing many difficulties both in translation and in comprehension.
In fact these games of linguistic logic imply a specific knowledge of many idioms and practices of the Victorian age and the lack of these can lead to a result that often seems senseless and insane.
We can find an example in chapter ten of “Alice’s Adventures in Wonderland”, in the absurd dialogue with the Duchess when she said : take care of the sense, and the sounds will take care of themselves” that is a distortion of two “p” into two “s” of the English proverb : “Take care of the pence and the pounds will take care of themselves”.
In the Italian translation we lose the essence of the pun, getting almost too much sense.
(“bada al senso e I suoni baderanno a sé stessi”)
Read simply as a children’s story the books are wonderful for their strange characters, mad inventions, clever parodies and amusing word plays.
At a deeper level, however, we see that it questions the logic of  the linguistic structures which govern our perception of the world and make communication possible.



ALICE e LA FILOSOFIA
LUDWIG WITTGENSTEIN e LA LOGICA DEL LINGUAGGIO

Austria 1889

L’impero Austro-ungarico si presentava come un’insieme di popolazioni, culture,lingue e religioni così che l’imperatore Francesco Giuseppe I decise di firmare un compromesso nel 1867 che divideva l’impero asburgico in Impero d’Austria e Regno d’Ungheria.
Tale divisione provocò così  il diffondersi di reazioni negative da parte delle minoranze slave , successivamente  sfociate nell’attentato di Sarajevo del 1914.
Proprio in questo contesto storico culturale che  si preparava ad accogliere il nuovo secolo, il 26 Aprile 1889 nacque a Vienna uno tra i più importanti filosofi del 900: Ludwig Wittgenstein.
Appartenente ad una famiglia dell’alta borghesia austriaca, il padre Karl era un magnate dell’industria dell’acciaio, ultimo di 8 fratelli è cresciuto secondo la tradizione cristiana per volere del padre, nonostante le origini ebraiche della madre.
Diverse tragedie,come episodi di suicidio e di omosessualità, turbarono la tranquillità familiare  e influirono sulla sua vita; in quegli anni dopo  aver ricevuto una prima istruzione domestica, andò a studiare in una scuola tecnica, la stessa frequentata dal suo compatriota Adolf Hitler.
Cominciò i suoi studi universitari a Berlino, che proseguirono poi in Inghilterra.
Consecutivamente alla laurea, Wittgenstein studiò al Trinity College dove ebbe la possibilità di conoscere Bertrand  Russell, il più importante esponente del panorama filosofico inglese del tempo, con il quale collaborò per i diversi anni di insegnamento nella prestigiosa università di Cambridge.
Dopo questo periodo inglese, Wittgenstein allo scoppio della prima guerra mondiale decise di arruolarsi come volontario nell’esercito e combatté sul fronte russo e su quello italiano.
Nel 1918 venne imprigionato a Trento ed internato per qualche tempo in un campo di prigionia per poi rientrare in Austria nel 1919: è proprio durante questa esperienza drammatica che il filosofo comincia ad elaborare le prime teorie sul linguaggio, raccolte nella sua prima opera “Tractatus logico-philosophicus”(1922).

Quest’opera si apre con una lettera/introduzione in cui l’amico Russel  presenta brevemente i contenuti ed i temi principali trattati nell’opera.
Segue poi una prefazione in cui lo stesso Wittgenstein afferma di aver risolto i problemi filosofici, che non sono altro che dei fraintendimenti della logica del nostro linguaggio.
Il libro si presenta come una serie di proposizioni numerate in base alla loro importanza e  di cui possiamo sintetizzare alcuni passaggi che delineano i concetti fondamentali espressi dall’autore :

1           Il mondo è tutto ciò che accade.
1. 1      Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose. [1]

Wittgenstein identifica il fatto come uno stato di cose, ovvero la relazione che si crea tra gli oggetti.

2          Ciò che accade, il fatto, è il sussistere di stati di cose.
2. 01    Lo stato di cose è un nesso d’oggetti (entità, cose). [2]
2. 1      Noi ci facciamo immagini dei fatti. [3]





[1] Ludwig Wittgenstein , Tractatus logico-philosophicus e Quaderni 1914-1916,Einaudi, Torino, 2009, p.25
[2] L. Wittgenstein, op. cit. , p. 25
[3] Ivi, p. 29



* * * * * * * * * * 


Noi conosciamo il mondo attraverso le immagini dei fatti le quali non sono altro che una rappresentazione della realtà ed è in sé un fatto.

3            l’immagine logica dei fatti è il pensiero. [1]
L’immagine logica dei fatti è il pensiero, che non può essere illogico, poiché noi pensiamo in modo logico.
Il pensiero viene espresso dall’uomo tramite la proposizione, percepibile mediante i sensi.
Quindi il mondo viene visto come totalità di fatti, il linguaggio è invece la totalità delle proposizioni, perciò il filosofo identifica il pensiero con il linguaggio, che può solo limitarsi a descrivere i fatti, i soli a possedere un senso.
La proposizione è composta da elementi più semplici chiamati nomi, che rappresentano gli oggetti dei fatti.

4           Il pensiero è la proposizione munita di senso. [2]
4.46 Tra i possibili gruppi di condizioni di verità vi sono due casi estremi.
Nel primo caso, la proposizione è vera per tutte le possibilità di verità delle proposizioni elementari. Noi diciamo che le condizioni di verità sono tautologiche.
Nel secondo caso, la proposizione è falsa per tutte le possibilità di verità. Le condizioni di verità sono contraddittorie.
Nel primo caso chiamiamo la proposizione una tautologia; nel secondo, una contraddizione. [3]
Analizzando le possibilità di verità delle proposizioni elementari possiamo poi identificare 2 gruppi di condizioni di verità estremi:
-          le condizioni di verità tautologiche, nel caso in cui la proposizione è vera per tutte le possibilità di verità delle proposizioni elementari.
-          Le condizioni di verità contraddittorie, nel caso in cui la proposizione è falsa per tutte le possibilità di verità delle proposizioni elementari.

La proposizione  mostra ciò che dice; la tautologia e la contraddizione mostrano che esse non dicono nulla.
Prendiamo in considerazione un esempio di tautologia “piove o non piove” e un esempio di contraddizione “Questo scapolo è sposato”: nel primo caso la proposizione è vera in qualsiasi situazione, mentre la seconda è sempre falsa per questo possiamo dire che non possiedono senso.
Ma ci sono proposizioni non significanti e non tautologiche o contraddittorie, queste proposizioni sono chiamate non-sensi, come le proposizioni filosofiche.
Egli infatti sostiene che le proposizioni dei filosofi si fondano su delle incomprensioni del nostro linguaggio, questo le rende proposizioni totalmente prive di senso e per il medesimo motivo è inutile cercare una risposta a quelle domande.
Il vero scopo della filosofia è quindi criticare e chiarificare il linguaggio e le proposizioni di cui è composto, declassando così la filosofia da scienza naturale a semplice attività.

7           Su ciò, di cui non si può parlare, si deve tacere. [4]

Quindi il linguaggio, che è rappresentazione dei fatti, ha dei limiti questo implica che anche il mondo visto come totalità dei fatti è limitato; così il filosofo austriaco arriva all’analisi dell’etica che concepisce come inesprimibile perché tratta di problemi relativi al mondo privi di significato perché non si presentano nel mondo, come il tema della morte che non è mai un fatto della vita, e per questo non è necessario parlarne, anzi bisogna tacerne.

Con la convinzione di avere così posto fine a tutti i problemi filosofici, Wittgenstein abbandona lo studio della filosofia e  si dedica all’insegnamento elementare, non trovando soddisfazioni in questa attività proverà a fare il giardiniere e si occuperà della costruzione della casa di sua sorella.
Solo nel 1923 con l’incontro con il logico inglese Frank P. Ramsey[5], il quale riteneva che il significato effettivo delle proposizioni non derivava solo dai rapporti logici tra esse e gli oggetti, ma  anche dalle credenze,culture e tradizioni che gli uomini attribuivano ad esse, Wittgenstein si riavvicinerà agli studi tornando all’università di Cambridge mettendo in discussione le posizioni da lui precedentemente prese nel Tractatus.
Infatti  la ricerca di un linguaggio universale tipica del suo primo periodo viene abbandonata nel riconoscimento del linguaggio ordinario come l’unico che deve essere studiato e analizzato. (Osservazioni Filosofiche 1964).

Ma se l’oggetto dell’analisi è il nostro linguaggio noi possiamo trovare più di un significato, in base alla concezione che l’uso delle proposizioni può essere molteplice, con questa riflessione il filosofo si distacca definitivamente dalla visione simbolistica del linguaggio, ovvero all’irrefrenabile necessità, che in quel periodo si manifestava attraverso il movimento neopositivista, di porre regole scientifiche e matematiche rigorose anche all’ambito del linguaggio.

Il suo distacco dal simbolismo è chiaramente espresso nella sua ultima opera “Ricerche filosofiche” (1953) dove sviluppa la teoria dei “giochi linguistici”.
La concezione del linguaggio come fotografia del mondo viene abbandonata focalizzando lo studio non più sul cosa il linguaggio rappresenti, ma sull’uso che ne viene fatto;
Wittgenstein denota il “peccato originale” della filosofia  che privilegia la ricerca del generale e universale piuttosto che indagare il particolare.
Le parole non sono più viste come nomi, semplici etichette che determinano univocamente un oggetto, ma acquistano una caratteristica più pluralistica adattando il loro significato a seconda del loro uso e della loro funzione.

Quindi i giochi linguistici non hanno una regola predefinita che li unifichi, esistono tanti tipi di giochi logici a seconda delle regole determinate durante il gioco e in base alle circostanze.
I diversi giochi possono essere raggruppati in più famiglie secondo dei criteri di analogia ma mantenendo tutte la stessa importanza.
Uno tra gli esempi più comuni tratti dalle “Ricerche filosofiche” è il seguente:
“Acqua! Via! Ahi! Aiuto! Bello! No!”
La prima e la quarta proposizione possono essere incluse nella famiglia delle invocazioni, la seconda invece è un ordine, la terza proposizione è un lamento, la quinta appartiene alla famiglia delle descrizioni e l’ultima è una risposta.
Questa nuova teoria porta anche ad una nuova visione della filosofia che non ha più il compito di comprendere e rettificare il linguaggio, ma solo di descriverlo.
Wittgenstein introduce il concetto di filosofia come malattia del linguaggio poiché le proposizioni filosofiche sono viste, come aveva già detto nel tractatus, come delle erronee interpretazioni del linguaggio e se nella sua prima opera aveva trovato come unica soluzione il silenzio, ora il filosofo ritrova la cura di questa malattia nella stessa filosofia che come terapia ha il compito di riportare il linguaggio metafisico a quello quotidiano.
La filosofia come guaritrice quindi si limita a sciogliere i non-sensi filosofici dei filosofi precedenti, senza affermare nulla di nuovo, fino a quando tutti i problemi filosofici saranno scomparsi.
Certo quest’opera ha cambiato l’approccio alla filosofia del linguaggio: affermazioni come il significato è l’uso, l’uso del linguaggio giornaliero in ambito filosofico e la soluzione dei problemi del linguaggio ritrovata nella correzione del linguaggio stesso hanno segnato tutta la filosofia del 900.
Dopo il ritorno a Cambridge ne 1926 diventò docente e nel 1938 ottenne anche la cittadinanza inglese, grazie alla quale poté salvarsi dallo sterminio nazista essendo lui un ebreo austriaco.
Passò alcuni anni in Irlanda lontano dalla vita accademica, in solitudine.
Nel 1949 scopre di essere gravemente ammalato di cancro alla prostata e decide di tornare in Inghilterra, a Cambridge dove morirà nel 1951.[6]

Dalla seconda metà del XIX secolo e per tutto il XX secolo la filosofia si presenta come un proseguimento del Positivismo, fatto dovuto anche alla rivoluzione psicoanalitica di Freud che portarono i grandi pensatori ad approcciarsi alla realtà con un metodo scientifico e sviluppando diverse critiche della scienza.
La logica è certamente una tra le dottrine scientifiche  più analizzate da alcuni grandi filosofi del tempo,primo fra questi Frege (1848-1925), seguito da Russell (1872-1970) e poi Wittgenstein, i quali si focalizzarono maggiormente sull’uso della logica nel linguaggio.

È quindi comprensibile come Lewis Carroll [7], influenzato dal pensiero del tempo si sia dedicato anch’egli allo studio della logica: non bisogna dimenticare che lo scrittore era professore di matematica al Christ Church e trattò maggiormente la logica matematica, ma possiamo ritrovare nella sua opera letteraria più importante “Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie” diversi esempi di giochi linguistici,sillogismi, paradossi e non-sensi.
Curioso sarebbe pensare che Wittgenstein abbia letto l’opera di Carroll e da essa ne abbia tratto spunto per alcuni dei suoi concetti logico-linguistici.

Il primo esempio di gioco logico che troviamo, nel terzo capitolo, è la corsa del comitato, metodo escogitato dagli animali per asciugarsi in seguito alla tempesta; in questa corsa, più comunemente conosciuta come maratonda,che si sviluppa lungo una pista a forma circolare ogni partecipante decide quando cominciare e terminare la gara con l’unico scopo di asciugarsi.
L’esempio del gioco è calzante per esemplificare che ogni gioco è diverso dagli altri, possiamo solo ritrovare delle analogie tra la corsa del comitato e il classico girotondo o la più seria maratona.
Un’altra considerazione che si può fare analizzando questo episodio è la concezione individuale delle regole: così come Wittgenstein riteneva che le regole del linguaggio sono individuali, dovute alle tradizioni e all’uso delle parole, così ogni animale decide quando la propria maratona ha inizio e fine, non c’è una regola generale.
.
Troviamo anche un esempio di tautologia: nel dialogo tra Alice e il gatto del Cheshire la bambina chiede all’animale delle indicazioni sulla strada da intraprendere affermando che non le interessava dove portasse “…purché arrivi in qualche posto”; la risposta del gatto segue perfettamente in pensiero logico del Tractatus, infatti questa proposizione è sempre vera poiché qualsiasi strada decida di prendere Alice la porterà in qualsiasi caso da “qualche parte”.
Nel settimo capitolo, dove Alice partecipa al famoso “Tè da Matti”, è colmo di svariati giochi logici: interessante è la riflessione della Lepre Marzola insieme al Cappellaio Matto sull’importanza dell’ordine nelle proposizioni ponendo ad esempio 2 proposizioni composte dalle medesime parole, ma che hanno significati diversi “Mi piace quel che prendo” e “Prendo quel che mi piace”.[8]
Un'altra riflessione interessante viene fatta da Alice che riguardo ad una affermazione poco sensata del Cappellaio: “l’osservazione del Cappellaio le pareva del tutto priva di senso anche se indubbiamente si era espresso in inglese” .

Questa frase evidenzia quanto il nostro linguaggio quotidiano, la nostra lingua madre influenzi la comprensione del linguaggio stesso, infatti fin da bambini siamo educati ad imparare i nomi che sono stati dati agli oggetti nella nostra lingua e con il processo di ripetizione e associazione continua quei nomi entrano a far parte del nostro vocabolario personale fino a dare per scontato il loro significato; siamo portati a credere che la nostra conoscenza del linguaggio sia limitata alla comprensione del significato delle singole parti che compongono la proposizione, non alla loro relazione con gli oggetti e il loro uso, come sosteneva Wittgenstein nelle sue “Ricerche filosofiche”.

Nel capitolo nono, facciamo la conoscenza della Duchessa che avrebbe sostenuto interessanti discussioni con i più importanti studiosi di logica e linguaggio.
Infatti nelle sue morali che concludono le sue battute ritroviamo interessanti spunti di riflessione:

“Bada al senso e i suoni baderanno a sé stessi” [9] che esprime il meccanismo, per noi ormai spontaneo, della relazione tra il senso e l’esposizione della proposizione.

“Sii quel che sembri essere.
Oppure se vuoi metterla più semplicemente: non immaginarti mai di non essere altrimenti da quello che potrebbe apparire agli altri che ciò che fosti o potresti essere stato non fosse altrimenti da quello che eri stato sarebbe apparso ad essi essere altrimenti.” [10]

Questa morale invece è rappresentativa per le molteplici modalità del linguaggio, attraverso il quale l’uomo può esprimere il medesimo concetto ma in forme diverse adoperate a seconda del contesto.
Anche nel seguito del Paese delle meraviglie, “Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò” si riscontrano svariati giochi linguistici e  spunti per lo studio della logica.
Il più famoso e significativo personaggio del libro è Humpty Dumpty, Tappo Tombo nella versione italiana.
Questo essere dalla forma di uovo si presenta come un saccente e bizzarro studioso del linguaggio, egli espone anche delle proprie teorie che difende ad esempio la necessità dell’esistenza del significato dei nomi; la sua discussione pare quasi un gioco nel quale lui stesso detta le regole man mano che questo prosegue (rispecchiando proprio la struttura dei giochi linguistici di Wittgenstein).

Si propone anche come critico letterario nell’analisi del poema nonsense “Jabberwocky” dove spiega la complessa natura dei portmanteau o parole valigia, nelle quale coesistono 2 significati nella medesima parola.
Ma importante è questo passaggio,che un po’ paradossalmente riassume le ultime riflessioni del filosofo austriaco Ludwig Wittgenstein:

-E soltanto un giorno per i regali di compleanno, hai capito? Questo è gloria per te!
-Non capisco di che cosa intenda per “gloria” -disse Alice.
Tappo Tombo fece un sorriso sprezzante. -Non lo capisci, perché non te l'ho ancora spiegato. Significa:”questo è un ragionamento schiacciante per te”!
-Ma "gloria" non significa “ragionamento schiacciante”- obiettò Alice.
-Quando io uso una parola - disse Tappo Tombo con un certo sdegno, -quella significa  esattamente quel che ho scelto di fargli significare… né più né meno.
-La questione è - disse Alice, -se lei può fare in modo che  le parole significhino le cose più disparate.
-La questione è -replicò Tappo Tombo, -chi è che comanda… ecco tutto.[11]




[1]
Ivi, p. 32
[2] Ivi, p. 42
[3] Ivi, p. 61
[4] L. Wittgenstein, op. cit. , p. 109
[5] Frank Plumpton Ramsey (Cambridge,1903Londra,1930) è stato un matematico, logico, statistico ed economista inglese. Diede importanti contributi nel campo della filosofia, logica matematica, probabilità ed economia.
[6] Le sue ultime parole furono: “ Dite ai miei amici che ho avuto una vita meravigliosa”.
[7] Lewis Carroll, pseudonimo di Charles Lutwidge Dodgson (Daresbury,1832Guildford,1898), è stato uno scrittore, matematico, fotografo e logico britannico. È celebre soprattutto per i due romanzi “Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie” e “Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò”, opere che sono state apprezzate da una straordinaria varietà di lettori, dai bambini a grandi scienziati e pensatori.
[8] Un altro esempio letterario di questo genere di preposizioni tratto da Lorenzo da Ponte “Non può quel che vuole/vorrà quel che può”, dal Così fan tutte, opera lirica di Wolfgang Amadeus Mozart.
[9] Lewis CARROLL, Le avventure di Alice nel paese delle Meraviglie e Al di là dello specchio, Einaudi, Torino ,2003, p.  87
[10] Ivi, p. 88
[11] L. CARROLL, op. cit. , p. 187